Come scegliere lo yogurt migliore

Il post è una guida per tutti gli amanti dello yogurt.

In poche righe ti aiuterò a scoprire quali sono le caratteristiche principali di questo alimento e come capire qual è il più adatto a te.

Credo tu abbia notato che gli scaffali dei supermercati sono ogni volta più ricchi di alternative: c’è sempre un nuovo prodotto pronto per te. L’incredibile varietà di scelta ha però come risultato un crescente grado di confusione da parte del consumatore.

Vi è mai capitato di dover scegliere un film su una piattaforma on demand? Spesso più opzioni hai e più tempo impieghi per decidere.

Tranquillo è normale! Maggiore è la quantità di informazioni e maggiore deve essere la tua conoscenza per fare la scelta migliore.

Leggi il post!

Nelle prossime righe vedrai alcune delle principali caratteristiche dello yogurt e imparerai a riconoscere quello più adatto a te, prima però dai un’occhiata al video.

Intero vs magro

Lo yogurt è un alimento derivante dalla fermentazione del latte. Il processo avviene tramite dei batteri (fermenti lattici specifici) che trasformano il latte, in particolare convertendo il lattosio in acido lattico.

Lo yogurt può essere prodotto con ogni tipo di latte: intero, parzialmente scremato, vegetale, ecc. Il tipo di latte ne influenza la tipologia.

Lo yogurt prodotto con latte intero sarà più ricco di grassi, mentre maggiore è la scrematura del latte e minore sarà la sua presenza nell’alimento finale. Questa è la distinzione tra yogurt intero e yogurt magro.

I grassi di cui è composto lo yogurt sono per lo più saturi e per una piccola quantità monoinsaturi. Di solito è proprio su questa affermazione che nascono le controversie, perché il rapporto svantaggioso dei grassi monoinsaturi porta alla sbagliata convinzione che lo yogurt magro sia più salutare di quello grasso.

Tale affermazione a mio avviso è sbagliata. Non esiste alcuno studio scientifico che indica una delle due tipologie di alimento più salutare dell’altra. Inoltre, molto spesso gli yogurt magri sono arricchiti di zucchero per sopperire alla perdita di gusto derivante dalla mancanza dei grassi.

Esistono alcuni grassi nello yogurt, come l’acido linoleico coniugato o CLA, che producono notevoli effetti benefici: migliorano il controllo glicemico, aiutano il sistema immunitario e producono un’azione anti aterogenica (1).

Sinceramente credo che gli effetti benefici derivanti da questo alimento non siano attribuibili alle singole sostanze, ma soprattutto alla loro contemporanea presenza e all’interazione che assieme hanno sull’organismo.

Mamma diceva sempre: la vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita.    Forrest Gump

Quindi, quale yogurt preferire tra intero e magro?

Dipende da te! Se vuoi ridurre le calorie giornaliere, magari perché vuoi perdere un pò di peso, puoi scegliere quello magro, altrimenti puoi consumare quello intero.

Tuttavia, credo che la differenza in calorie sia talmente poca che puoi decidere quello di cui preferisci il sapore. Entrambe le tipologie sono poco caloriche, quindi scegli in base alle tue preferenze.

Io alterno le due tipologie. Quando ho voglia di un sapore più cremoso mangio quello intero, altrimenti opto per il magro. Quest’ultimo è preferibile anche a ridosso dell’attività fisica, in quanto viene digerito più velocemente dall’organismo, a causa del minor contenuto di grassi.

Il post ti sta piacendo? Se sì condividilo sui social cliccando sui pulsanti in cima o in fondo alla pagina. A te non costa nulla e mi faresti molto contento.

Semplice vs complesso

Qualche riga fa ho accennato al processo di produzione dello yogurt.

Hai notato gli ingredienti utilizzati nello sviluppo del prodotto? Sono solo due: latte (di qualsiasi tipo) e fermenti lattici (di solito Lactobacillus bulgaricus e lo Streptococcus thermophilus, ma a volte vengono utilizzati anche altri batteri).

La maggior parte degli yogurt in commercio contengono molti più additivi, come conservanti, coloranti, zuccheri, ecc.

Gli ingredienti sull’etichetta sono listati in base al peso, dal più presente al meno presente. Quindi evita gli yogurt che hanno come ingrediente lo zucchero tra i primi nella lista e fai attenzione, lo zucchero può essere indicato in molti modi:

  • sciroppo di glucosio;
  • glucosio;
  • fruttosio;
  • lattosio;
  • fruttosio concentrato;
  • melassa;
  • zucchero d’uva;
  • zucchero di canna;
  • zucchero invertito;
  • destrosio;
  • succo di mele concentrato;
  • sciroppo d’acero.

La lista potrebbe continuare ancora per molto. Gli zuccheri aggiunti rendono lo yogurt meno genuino e salutare. 100 grammi di yogurt contengono circa 5g di zucchero, ma molti yogurt superano abbondantemente i 10g per la stessa quantità di prodotto.

Nella scelta dello yogurt devi tenere a mente che meno ingredienti ci sono e meglio è! Uno yogurt, per essere considerato tale, necessita solo dei due ingredienti base citati sopra, il resto è di troppo.

Nel caso non gradissi l’alimento nella sua semplicità, potresti optare per dello yogurt bianco con dei pezzi di frutta o dei cereali aggiunti da te.

Normale vs greco

Lo yogurt greco differisce da quello “normale”, perché è filtrato più volte rimuovendo notevolmente le proteine del siero del latte e il lattosio. Il risultato è uno yogurt più denso con un tenore doppio di proteine e la metà degli zuccheri rispetto al cugino “normale”.

Inoltre, lo yogurt greco possiede un contenuto inferiore di calcio e una quantità superiore di calorie e grassi. Tuttavia, esistono in commercio versioni magre di questo prodotto con un contenuto di grasso nullo; in questo caso le quantità caloriche sono simili a quello di uno yogurt “normale”.

Fai attenzione, perché esistono delle versioni sugar add anche per lo yogurt greco.

Il mio parere è che entrambe le tipologie sono salutari se i prodotti restano genuini e non subiscono l’aggiunta di additivi.

Probiotici: l’importante è che siano vivi

I batteri probiotici sono una componente essenziale dell’alimento, sia per la sua produzione, che per gli effetti benefici che esplicano su di te.

Secondo la legge italiana, lo yogurt può essere definito tale soltanto se prodotto con latte di vacca fermentato con Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus thermophilus. Tali microrganismi devono essere vivi e vitali (in grado di metabolizzare e moltiplicarsi) fino al momento del consumo.

La densità cellulare, definita anch’essa per legge, deve essere uguale o superiore a 100 milioni di cellule (unità formanti colonia) per millilitro.

Da tempo sono noti gli effetti benefici di tali organismi che hanno con noi un rapporto di simbiosi. La ricerca, incuriosita da questo fatto, si sta interessando tantissimo dei fermenti ed escono continuamente nuovi studi relativi all’argomento.

Non esistono solo batteri “buoni” nel tuo organismo.

Immagina il tuo intestino come un mondo e i batteri al suo interno come gli abitanti che ci abitano. Nel tuo intestino si svolgono continue lotte tra batteri “buoni” e “cattivi”. I batteri contenuti nello yogurt fanno parte della fazione dei buoni, quelli che contribuiscono al tuo benessere (non solo intestinale, ma di tutto l’organismo). Visto che tali batteri lavorano per te, perché non aiutarli di tanto in tanto?

Come puoi aiutarli?

Mangiando uno yogurt, infoltirai i ranghi dei batteri “buoni”, aiutandoli nella continua lotta per la colonizzazione e protezione del tuo intestino.

Il mondo è un bel posto e per esso vale la pena di lottare.    Ernest Hemingway

Ricorda che i batteri sono simbionti, se stanno bene loro starai bene anche tu, perché il beneficio è reciproco.

In alcuni yogurt vengono aggiunti ulteriori tipologie di fermenti probiotici come: bifidobacterium bifidum, lactobacillus casei, lactobacillus lactis e lactobacillus acidophilus.

I benefici derivanti da questi fermenti riguardano:

  • il sistema immunitario (2);
  • il sistema intestinale (aiutano in caso di dismicrobismi, nella sindrome dell’intestino irritabile, ecc.)(3, 4, 5);
  • il miglioramento dei valori di colesterolo ematico (6);
  • l’abbassamento dei livelli di infiammazione (6);
  • la riduzione del peso corporeo (7);
  • addirittura la riduzione dei sintomi della depressione (8).

Potrei allungare ancora l’elenco, ma credo tu ormai abbia capito l’importanza dei batteri.

Il contenuto dei probiotici può variare notevolmente a seconda di una serie di fattori, compresi metodi di confezionamento e condizioni di conservazione. Per ottenere i massimi benefici, scegli quello con il maggior numero di probiotici, anche se per i motivi su citati non è semplice capirne il contenuto.

Take home message

Ricapitolando: leggi con attenzione l’etichetta, adesso sai cosa deve contenere e cosa non deve contenere lo yogurt per essere definito tale ed esplicare al massimo le sue proprietà nutritive.

Come un buon frullato o succo vivo, lo yogurt può rappresentare una gustosa merenda, oppure puoi consumarlo alla fine dei pasti principali per concludere con un dessert salutare.

Lo yogurt non è adatto alle persone intolleranti al lattosio (anche se la quantità di lattosio è bassa) o per chi è allergico alle proteine del latte, ma per tutti gli altri è un alimento eccezionale.

Ora, a te la scelta…

Bye

Grazie Stefano per avermi aiutato nella realizzazione del video introduttivo.

Foto tratte da google immagini

4 pensieri riguardo “Come scegliere lo yogurt migliore

  • 5 Giugno 2017 in 20:18
    Permalink

    Molto interessante ed esaustivo. Mi conforta l’idea che uno yogurt intero non è molto più calorico di uno magro. Almeno i miei sensi di colpa si riducono… Una domanda: se allo yogurt bianco con 0,1grassi aggiungo 2 cucchiai di meusli le calorie aumentano di molto? Lo uso come colazione al posto del caffè latte.

    Risposta
    • 6 Giugno 2017 in 9:16
      Permalink

      Ti ringrazio Piera. Rispondo subito alla tua domanda. Aggiungere due cucchiai di muesli allo yogurt non aumenta di molto le calorie della pietanza. Dipende dalla tipologia di muesli, in ogni caso sono circa 50kcal in più. Questo tipo di colazione è un’ottima alternativa al caffè e latte. Ciao

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Whatsapp